Bookmarks su GoogleMaps attraverso le stelle preferite

L’ultima novità di GoogleMaps riguarda l’introduzione di una sorta di sistema di bookmarks per i marker dei risultati delle proprie ricerche. Siamo ancora ben lontani da poterlo definire un tool completo di gestione dei Preferiti, ma sicuramente è un buon tip!  🙂

Il requisito iniziale è quello di essere loggati su GoogleMaps con in proprio account Google.

Una volta effettuata una ricerca, nel caso in figura Vicopisano, basta cliccare sulla stella accanto al risultato scelto, e questa passerà da bianca a gialla.

Aggiungere un bookmark su GoogleMaps

Aggiungere un bookmark su GoogleMaps

Aggiunto il Preferito a GoogleMaps

Adesso andiamo nella sezione Le mie mappe e vediamo che nell’elenco di tutte le mappe, troviamo in fondo proprio una nuova voce: Elementi speciali. Questa voce contiene appunto tutte le mappe che abbiamo aggiunto ai preferiti dopo aver fatto click sulla stella… 🙂

Ricerca vocale su Mobile: Google Introduce la ricerca vocale nella sua App per iPhone

Ultimamente, molte software house puntano sulla creazione di applicazioni compatibili con il dispositivo di Apple: tra queste aziende, Google è quella che sta lavorando di più, apportando continuamente modifiche al suo motore per ottimizzarlo per l’iPhone.

L’ultima modifica ha apportato una grossa novità, ovvero l’introduzione delle ricerca vocale. Per il momento questa funzionalità è valida solo per la lingua inglese ma è facile prevedere che a breve verrà implementata anche nella nostra lingua, dato il rapido diffondersi di iPhone in Italia.

Google Mobile App

Google Mobile App

La Google Mobile App è scaricabile come sempre dall’App Store ed ovviamente è gratuita.
La ricerca vocale permette di effettuare delle ricerche tramite Google, il motore di ricerca più usato al mondo, parlando direttamente sul microfono di iPhone.

E’ possibile chiedere ad esempio al motore di ricerca: “Dove è il cinema più vicino a me?
Il suono è convertito in un file che viene inviato via Wi-Fi a Google che lo analizza, estrae le parole chiave ricercate ed effettua la ricerca vera e propria nel motore. I risultati vengono rispediti all’iPhone sotto forma di risultati.
Google Mobile App stabilirà la nostra posizione tramite la funzionalità GPS e presenterà una serie di informazioni su come raggiungere il cinema più vicino alla vostra posizione geolocalizzata. I risultati inoltre, vengono salvati in modo che la ricerca successiva sia ancora più rapida. I risultati forniti sono completi di indirizzi, direzioni e numeri telefonici.

Si possono fare molti altri usi di Google Mobile App per iPhone, come effettuare conversioni tra diverse unità di misura, ecc.

Vediamo altri dettagli dell’applicazione:
– Rapida interazione tra le varie app incluse nel pacchetto (Gmail, Foto, Talk, Reader, Blocco Note, Traduttore, Maps, Earth, Youtube e altri).
– ricerca tra i propri contatti
– Suggerimenti mentre di digita e autocompletamento, cronologia di ricerca.

L’applicazione (1,9 mb, versione 0.3.142) è disponibile anche in italiano oltre che in molte altre lingue.

Ecco le pagine delle impostazioni:

Schermata principale impostazioni Google Mobile App

Schermata principale impostazioni Google Mobile App

Elementi ricercabili Google Mobile App

Elementi ricercabili Google Mobile App

Dopodiché cominciamo ad usare Google Search Voice:

Parla adesso Google Mobile App

Parla adesso Google Mobile App

Riconoscimento Google Mobile App

Riconoscimento Google Mobile App

Ecco un esempio di cronologia di ricerche:

cronologia di ricerche Google Mobile App

cronologia di ricerche Google Mobile App

Tutta questa “dedizione” di Google in investimento nel campo mobile, a mio parere è l’ennesima testimonianza di quanto sia fondamentale investire in strategie che concorrano ad incrementare la propria visibilità sulle ricerche locali (appunto si parla di Local Search Marketing).

Ecco un filmato Youtube esplicativo su Google Voice Search per iPhone:

L’algoritmo che gestisce il riconoscimento della propria voce ha senza dubbio ancora diversi problemi e spesso il riconoscimento della propria ricerca non da risultato, ma i presupposto per avere un servizio di eccezionale utilità ci sono tutti !
😉

Cose strane su GoogleMaps

Finalmente un servizio che raccoglie un bel pò di stranezze scovate attarverso l’uso di Googlemaps: Map of Strange.

Cose strane su Google Maps

Cose strane su Google Maps

Le varie stranezze sono state catalogate attraverso comodi tag: errori, scritte, areoplani, ecc.

Questa è una delle mie preferite: una sospetta esplosione marina… 😮

esplosione marina vista con google maps

esplosione marina vista con google maps

Buon divertimento !

Una nuova mapplet da Expedia per googlemaps

Da blog latlong sono venuto a sapere che Expedia (Australia) ha reso disponibile una comodissima mapplet per GoogleMaps che conferma quanto questa azienda leader nel settore del turismo stia investendo nel Local Search Marketing.

La mapplet può essere aggiunta nel proprio account di GoogleMaps a partire da qui.

La mapplet di Expedia permette di ricercare hotel e comparare prezzi, qualità e distanze il tutto visualizzando i contenuti in comodissime mappe, come potete vedere:

il pannello di ricerca della mapplet di expedia

Ecco la mapplet all’opera dopo una ricerca:
mapplet expedia

Blogged with the Flock Browser

Nomao, crea la tua mappa online

nomao
Basterà registrarsi velocemente al sito e sarete subito pronti per creare la vostra mappa (un sito 2.0, a parte qualche errore nelle traduzioni in italiano…).
Una simpatica ape vi guiderà nella creazione della mappa a partire da un indirizzo: ovviamente le mappe a cui il servizio si appoggia sono quelle del database di Google Maps
Vi sarà inoltre chiesto che tipo di mappa state creando, un modo quindi per etichettarla e meglio condividerla con gli altri utenti e sul web in generale.
Come potete vedere esistono diverse categorie: posti personali, la più generica, posti dove mangiare, dormire, fare shopping, ecc.
Io ho aggiunto la mappa di casa mia
casa mia su nomao
Adesso manca solo di decidere in quale lingua pubblicare la propria mappa per la recensione:
lingua mappa

GoogleMaps aggiorna le ortofoto su casa mia

Finalmente Google ha aggiornato le ortofoto relative alla zona di casa mia (Vicopisano, Pisa), raggiungendo la stessa qualità di dettaglio di quelle di LiveMaps di Microsoft.

Inutile dire che era da tempo che aspettavo questo aggiornamento dato che le foto erano a bassa qualità e soprattutto che quelle ottime distavano poche centinaia di metri da casa mia …. 😦

Adesso la situazione tra i vari fornitori di servizi di mappe online e offline è questa:

GoogleEarth e GoogleMaps:
casa mia vista da google maps

Visual Earth di Microsoft:
casa mia vista da livemaps

YahooMaps:

casa mia vista da yahoo maps

Come è facilmente osservabile quelle di GoogleMaps adesso sono diventate le migliori, mentre quelle di Yahoo … beh lasciamo perdere…

Ah… con GoogleEarth ho sgamato un tipo che si è fatto la piscina vicino casa mia ….

casa mia vista da google maps

Ho aperto questo bloggettino perchè….

Ho aperto questo bloggettino perché mi andava di fare un paio di riflessioni sull’impatto che le mappe di Google stanno generando sull’attività e l’approccio di una persona che si occupa di Search Marketing su Internet (in particolare di Local Search Marketing).

local search mrketing